Scuola. Iniziamo a far risparmiare con poco

Il governo Monti ha fissato un tetto sulla spesa dei liberi di testo. Ottima iniziativa.

Nei fatti però la norma viene disattesa suddividendo i libri in Obbligatori e Facoltativi.

Naturalmente l’ acquisto dei libri facoltativi non è strettamente necessario, ma sappiamo come funzionano i condizionamenti psicologici, la vergogna di non potersi permettere un libro di testo, ecc. ecc.

Crediamo che la norma debba essere rispettata nella forma e nella sostanza e non debba essere aggirata.

___
Pubblicato il 1 Novembre 2010

Crediamo che sia importante imporre dei limiti nell’ adozione dei libri di testo.

I libri dovrebbero rimanere in un corso per parecchi anni. Moltissime materie non hanno bisogno di aggiornamenti continui.

E’ diritto degli studenti, potere acquistare libri usati o potere rivendere i libri alla fine dell’ anno.

La scuola non deve essere terreno di profitto per alcune case editrici.

I diritti di alcune classi sociali, si proteggono anche con piccoli interventi che non costano nulla alle casse dello Stato.

Questa voce è stata pubblicata in Cittadino e Diritti, Famiglia, Scuola e universita'. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...